mercoledì 19 gennaio 2011

Uno!

Ci hai pensato tutta la giornata, durante il mal di testa lancinante: «Lo apro o non lo apro? Si, ma se lo apro farà la fine dell'altro? Dovrò dare ragione a mio padre - "Sei incostante, non porti mai a termine un cazzo" - quando lui è la persona che mi conosce meno sulla faccia della terra? Ma 'sti cazzi. Io lo apro, poi chi s'è visto, s'è visto.»

Ok, l'ho aperto. E mò? La grafica fa cagare. Non mi piace e dovrò trovarne una più adatta a ai contenuti. Ma quali saranno i contenuti? Certo, un blog aperto alle 23.30 di sera dopo un secondo giorno trascorso influenzata a casa non ha una verve particolarmente pimpante. Ma quando pensi a come ti sentivi oggi e a come ti senti adesso grazie all'effetto della roba (leggasi novalgina), non puoi che immaginarti viva. Avresti voglia di spazzolarti i capelli, ma tutto quel che di femminile ti resta sono le unghie col franch.

E mentre il terzo gatto ti guarda con l'aria schifata perchè hai anelato la seconda boccata dalla sigaretta, non ti rimane che decidere se continuare a scrivere o ingurgitare un opercolo di valeriana. No, ma giusto per calmarti se stai ascoltando una canzone che ti ricorda la moto che non puoi prendere fino al nuovo ordine di medicocompagnomadrepadreepataterno.

Ok, ammettiamolo: non ho un cazzo da fare e cerco di far arrivare il sonno. Ormai contare le pecore è obosleto e contare le pecorine lo lascio a Rocco. Non fa per me, ormai c'ho un'età. Comunque penso realmente quel che ho scritto: se rinasco faccio il fravecatore! Almeno non mi sarò pentita di tutti i panini con la mortadella che ho ingurgitato alle 5 di mattina, quando uscivo di casa con la merenna sotto la braccio, arrivavo in cantiere e occupavo il mio posto nel mondo, vicino alla cardarella. Si, perchè tutti dovremmo averlo un posto nel mondo.

Quello di un anziano che si ostina a governare l'Italia anzichè dedicarsi soltanto al pilu è con le minorenni, ma il mio qual è?!?



Share/Bookmark

6 commenti:

jeneregretterien ha detto...

e inauguriamolo questo blog, va'. Da una vecchia blogger, in tutti i sensi :-P
Forse torna utile qualche foglio di giornale però, per farci il classico cappiello da fravecatore. Un tempo lo sapevo fare, me lo insegnò mio suocero, forse me lo ricordo ancora. Anche se poi mi esce una barchetta va bene lo stesso?
Cià Terè, stammi bene
Claudia

lepetitepeste ha detto...

E diciamolo che questo è un commento che ti sprona a continuare!

jeneregretterien ha detto...

eccerto. Sennò che lo scrivevo a fare?
'nanotte :-)

utente anonimo ha detto...

Non so se il tuo posto da ipotetico muratore sia effettivamente vicino alla cardarella, ma qui ti ci vedo bene, raffreddore o non raffreddore, grafica spartana o non grafica spartana :)

Continualo, interrompilo qui, a mò di opera in atto unico, fanne ciò che vuoi. Puoi farne ciò che vuoi, devi farne ciò che vuoi. E' il tuo blog.

Raf

xidor ha detto...

L'inizio è simpatico, continua

johnnigo ha detto...

berlusconi è un magnaccia di periferia

 
;