domenica 26 aprile 2015

eppi eppi bhrdei

No so se anche ad altri ha preso così, ma ieri notte, prima di andare a dormire, quando era già oggi, mi sono chiesta se qualcosa di buono lo avevo fatto e se non erano stati 31 anni jettati a mare. Escludendo periodi della mia vita per i quali ho solo un buco nero al posto dei ricordi (ci sono cose che il cervello si rifiuta di ricordare ed è meglio così), ho concluso che sì, posso ritenermi abbastanza soddisfatta. Mi alleno ogni giorno con un cross fit level 1 sollevando un nano di circa 20 kg, bello cicciotto, alto 88 cm, che mi consente di allenare i muscoli pettorali (riesco a muovere le tette a scatti senza usare le mani. No, non vi faccio vedere); trasporto il suddetto sù e giù per 18 scalini o 30 a seconda se devo portarlo nel suo letto o davanti la porta di casa e lo stronzo si muove pure, alimentando la mia sciatalgia, ma facendomi bruaciare grasso sulle cosce. Lo prendo da terra a peso morto e lo poggio piano (!!!) su un tavolotto morbido per combattere con pannolini ingombranti e questo mi ha fatto venire i bicipiti di big gim. E il bello viene quando il fasciatoio si sporca e dopo aver tenuto la trota salmonata in bolico su un braccio solo per lavargli il culo, devo continuare a tenerlo, prendere della carta, pulire, buttare la carta nel cesso, tirare l'acqua e solo dopo poggiarlo (sempre piano!!!) riposando membra e nervi. Ho imparato ad andare controcorrente, a fottermene se qualcuno di cui non ho stima mi giudica, ma ad appizzare la recchia se quelle due o tre persone cui voglio bene mi dicono qualcosa. Ho una memoria di ferro (per cui attenti a voi). Ho un brutto carattere, ma passamm' appriess'. Non m'incazzo quasi più, volto la faccia dall'altra parte. Ho spirito di sacrificio e di adattamento, ma sono ottimista. Quindi il mondo di merda che ci circonda, secondo me può migliorare. Anche perchè peggio di così nun po' esse. Faccio finta di non ascoltare alcune cose ogni giorno e questo mi ha fatto venire valori epatici che ormai se mangiassi tracchiulella e bevessi due litri di vino, se fossi un'oca da patè, mentre estraggono la bile, io mi limerei le unghie. Con i ricordi che fingo elegantemente di non avere ci si potrebbe costruire un'altra vita. Qualcuno che mi vuole bene c'è. Ma non un bene come s'intende il ti voglio bene gnerico. Bene vero, nonostante il resto. Ho i miei fantasmi, ma ci vado a letto la sera senza problemi e mi faccio pure rimboccare le coperte. Ho un lavoro che richiede coraggio, ma che tutto sommato mi ripaga facendomi campare abbastanza dignitosamente. Come potete leggere, finoa d ora ho pittato il bicchiere sempre mezzo pieno. A che serve piangersi addosso se le lacrime non fanno da antirughe? Non ho neanche un capello bianco! E questo mi fa sperare in un futuro da leader di forza italia. Alla fine, analizzando tutto, e modestia a parte, non sono stati 31 anni buttati nel cesso. Ho imparato un sacco e altro imparerò se ne camperò altri 30. Notate con quanta eleganza affronto l'avvio verso i 40? Suvvia, sono da manuale! So campare. E lo dico non per sembrare presuntuosa, ma perchè sono grata a tutte le volte che l'ho preso in quel posto.
Ho i miei sogni nel cassetto, che ormai spettegolano con autoreggenti che non indosso o con mutande dei tempi d'oro. E ci sono cose che non vale la pena aspettare (persone comprese), come ce ne sono altre che devono restare sempre in attesa. Perchè la vita finisce quando non hai più aspettative, non hai più speranze. Ve l'immaginate che noia quando hai fatto tutto, hai visto tutto e poi non ti rimane più niente da aspettare? Per aspettare non intendo mettersi con le braccia conserte, che dal cielo arrivano solo cacate in testa. Ma agire e intanto pregustare il momento. In effetti sì, in 31 anni mi sono costruita bene. E dopo questa bella botta di autostima, posso augurarmi eppi, eppi bhrdei.

Share/Bookmark

1 commenti:

Raf Elez ha detto...

Oltre ad essere una "botta di autostima" convincente, è anche bella da leggere! Un abbraccio a te e al tuo trainer di crossfit.

 
;