domenica 27 ottobre 2013

Un mese. Il primo.

Io non lo so se chi ha inventato la "mamma" aveva in mente una serie di regole precise. Una sorta di vadevecum da seguire per esserlo e farla bene. Magari pensava solo al cuore. A quello più sincero. Perchè quando vivi l'amore incondizionato e puro verso un altro essere umano ce lo devi mettere per forza, tutto. Quello che so che il mio adesso è tuo. Prima che anche tu viva per un'altra persona e ti renda conto di quanto amore hai dentro, cercherò d'insegnarti a donare agli altri un pezzo del tuo cuore.
Senza avere la paura che non ti venga reso o che ti venga restituito pestato. Perchè, vedi, è meglio aver provato. Sempre. Che restare col rimpianto di non aver fatto niente. Perchè poi è il niente che ti resta tra le mani, mentre se conservi il tentativo, quello, credimi, ha un bel sapore. A prescindere dal risultato. Cercherò d'insegnarti a ridere col cuore, oltrechè con gli occhi. Ad aver rispetto per ogni creatura, a non arrenderti quando cadrai seduto tentando i primi passi. A rialzarti dolorante e sorridere a chi riderà di te. A reagire riempiendo spazi che ti sembrano vuoti, specie quando quegli spazi saranno intorno a te. Ad avere una bell'anima, nonostante il mondo intorno. Farò il possibile per farti capire che dovrai scegliere per te, ma anche per chi ami. Cercherò di insegnarti a sorridere anche quando ti ritroverai sotto la pioggia improvvisa e scrosciante degli eventi che non puoi fermare; in quel caso dovrai aprire l'ombrello della pazienza, amore mio. Spero di riuscire a farti capire che l'amore è un diritto di ognuno, ma trattarlo con cura è un dovere. Tenterò di portare bellezza nella tua vita. Così come tu ne hai portato nella mia.
Tanti auguri per il tuo primo mese di vita, vita mia.

Share/Bookmark

0 commenti:

 
;