mercoledì 9 ottobre 2013

I supereroi esistono

Io vorrei conoscerlo il tizio che ha detto che i supereroi non esistono.
Ci vorrei parlare e vorrei chiedergli se, quando l'ha detto, aveva già visto una donna diventare mamma.
Perchè tu, femmina, sai di cosa sto parlando.
 

Acquisisci il super potere vestirti in maniera decente in un terzo di secondo e senza neanche l'ausilio di una cabina telefonica.
Quello di afferrare al volo gli oggetti prima che cadano al suolo.
Diventi capace di muoverti al buio, evitando gli ostacoli.
E se proprio urti il mignolo del piede destro contro una gamba del tavolo, sei ormai diventata capace di bestemmiare e soffrire in silenzio.
Hai preso talmente tanta dimestichezza col pargolo che lo allatti reggendolo col braccio destro e con la mano sinistra fai colazione, pranzo, cena.
Ti lavi pur non sentendo il rumore dell'acqua che scorre, chè se lui si sveglia in un nano secondo sei pulita, asciutta, profumata e pronta a fare la mamma.
Rifai il letto in 3.3 secondi netti. Roba che manco batman quando s'incazza.
Sei capace di lavare i piatti e metterli nello scolatoio senza far rumore, neanche fossero piume.
Dimenticavo poi la capacità d'incenerire con lo sguardo chi ha disturbato il suo sonno. Roba che i raggi laser non sono un cazzo.
I 'posso prenderlo in braccio?' vanno sempre evitati a una neo mamma che ha il piacere di vedere l'inquilino tranquillo nella sua culla. Salvo il desiderio di ricevere un rifiuto o vedere una donna con le antenne in testa.
Riconosci il suo modo di piangere. Parli un buon livello di bambinese.

Con una mano accarezzi il pupo, con l'altra i cagnoni di casa che non vanno trascurati.
Sei capace di vivere un post operatorio (con buona pace dei 'non ti devi stancare' detti dal ginecologo) avendo il pieno comando sui dolori addominali, isolandoli quasi dal resto del corpo.
Dormi con gli occhi aperti - o anche chiusi - quando di notte il pupo si sveglia affamato.
Cambi un pannolino in 5,2 secondi. Comprese coccole qualora il piccolo, piangendo, decidesse di andare oltre i decibel consentiti per legge.
Hai avuto la capacità di "svegliarti" alle 4.00 del mattino, a poche ore dal cesareo, chiamando l'infermiera per dirle di toglierti il catetere: "Mi voglio alzare dal letto." 

"Vengo alle 6.00" 
"Vieni alle 6.00 meno dieci." , oltre ad andare in bagno da sola una volta alzata.
Provi compassione per chi prova compassione per te. Ma, a differenza di prima, eviti di farglielo sapere.
Acquisisci una memoria e una pazienza di cui non ti credevi capace. E le sfoderi ogni giorno, senza neanche ormai rendertene conto.
Tante cose che magari prima avrebbero potuto ferirti o portarti ad imbracciare il fucile, ora sono fumo.
Perchè l'unica aria che vuoi respirare è lui. Lo stesso uomo che, speri, un giorno, non spezzi il cuore di un'altra donna.



Share/Bookmark

0 commenti:

 
;