venerdì 13 aprile 2012

Un pensiero. In qualche ora.


Perché un sospiro non si può scrivere.
E adesso che sei in spiaggia e la vedi deserta, e c'è vento e pioggia e rumore, guarda bene. Che il tuo mare è calmo.
E ora che hai deciso di stare da sola, rimboccati le coperte la sera. E sarà il gesto più bello che tu abbia mai fatto
E l'immaturità delle frasi dette da lontano, evitala.
E abbi cura della tua emotività. E' come un biscotto. Se la metti sotto la pioggia, si scioglie.
E non credere a chi ti propina grandi sentimenti a basso costo. Quelli non sono in saldo. Mai.
E ricordati che la felicità esiste. Basta solo non dimenticarsene.
E quando ti ritrovi al buio, apprezza la compagnia di te stessa. E ascolta il tuo silenzio.
E cerca di avere coraggio. E sfruttalo per essere egoista.
Comunque vada, continua a camminare. Ma sappi che inciamperai ancora.
Tollerati.
E sii tollerante.
Piove. Avresti potuto portare con te un ombrello, una buona volta.
Avresti dovuto ricordarti di mangiare qualcosa, stamattina.
Non essere avventata.
Vai piano che l'asfalto è bagnato.
E cerca di trovare tempo per spacchettare il tempo e dedicarti tempo.
E anche se non gli racconterai di domani, lo porterai con te comunque.
E non fumare. Scema.

Share/Bookmark

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Se scrivere un sospiro fosse obbligatorio per legge e se chi sbaglia fosse condannato a morte,... io punterei tutto su questa ipotesi: "hhhhhhhhhhhhhhh...".

Tutte le affermazioni sono belle e sono scritte così bene da farle sembrare realmente assertive !
(...anche se sono convinto che all'undicesima non ci ha creduto neppure la tua tastiera! hihihihi..)
L'augurio è che riescano quasi tutte a superare integre l'impetuoso alternarsi dei tuoi stati d'animo.

L'ultima frase mi ha colpito come una pugnalata al cuore !
......perchè io NON DEVO fumare (rischio troppo), ...invece, mentre leggevo il post, mi sono acceso una sigaretta. Evidentemente sono più scemo di te.

Comunque, la formulazione di quell'ultima riga sembra avere tutt'altra interpretazione.
... infatti il punto inserito fra la prima frase e l'ultima parola esclude qualsiasi collegamento fra le stesse.. ed innalza quello "Scema" sino al livello di una autovalutazione sintetica ma complessiva.
Che dire ? ..potrebbero esserci elementi per discuterne !
.... anche se mi rendo conto che per risolvere un tale e reale problema occorrerebbero approcci esegetici, ermeneutici ed ontologici che forse non sono alla nostra portata. ;-)

Teo Wolfe .... il Cazzeggiatore Errante

Ferrettino - Come Tradizione Vuole ha detto...

Ieri sera , mentre leggevo un libro che mi è stato regalato, Sono contrario alle emozioni, mi sei venuta in mente tu.
A parte che l'autore è tuo concittadino, ma è la sua scrittura ad avermi fatto pensare a te. E' bravo, bravino ad esser puntigliosi. Ha delle idee, degli spunti, ma tu potresti fare meglio. Di lui.
E poi, vedi i casi, c'è un capitolo che parla di Rumore, una canzone della Carrà. Ci sta bene come commento al tuo post. Non vado ot, così.
Un abbraccio, Gian Luca
Ferrettino - Come Tradizione Vuole

lepetitepeste ha detto...

Teo Wolfe: non fumare. Scemo. E poi no. Un sospiro non si può scrivere nemmeno con le 'h' messe in fila. Non si scrive e basta. E' qualcosa di intangibile, ineffabile. C'è, ma già nel momento in cui l'hai fatto non c'è più. Non lo si può ibernare con le parole o qualche consonante. E' del momento. E l momento dev'essere lasciato. Ti pare? ;)

Ferrettino: tu mi nomini De Silva? Il "mio" De Silva? Ma sfondi una porta aperta. Io lo adoro. E sono convinta che esista davvero Vincenzo Malinconico (il protagonista del libro che stai leggendo. E ti consiglio di leggere anche quello precedente, "Non avevo capito niente".). E se lo incontro, lo sposo. Giuro.
Un abbraccio a te, a presto. :)

Anonimo ha detto...

Scrivi delle cose stupende...avendoti vista sempre un pò brilla, o cmq durante serate abbastanza goliardiche nn l'avrei mai detto!!!! Veramente complimenti...ah, qs è il pezzo ke preferisco, tocca l'animo! Fatevi vedere qlk sera tu e Ciro... baci Ilaria.

Raf ha detto...

Un sospiro non si può scrivere. Ma, se fosse possibile, tu ci saresti andata molto, molto vicino.

 
;