venerdì 9 marzo 2012

Le due versioni del fravecatore

Aò, aò signorì, anvedi aò. Buongiorno!

Aò, che nun me vedi? Sto qua, ohhhh! Aò de quaaa. A'ggirate.

Allora? Me vuoi fa sgolà? Eddaje su, nun te fa pregà.

Ohhhh e finarmente te posso da vedè nfaccia.

Ammazza però, de prima mattina, eh. Certo però eh… pure te…

Aò, bella sorcona mia, ma quanto sei tanta oggi?

Ma quanto me attizzi co sto pigiamino. Anvedi! Ch'i fiorellini rosaaaa.

E sta majettina?

E st'occhialetto sexy? Mamma che te farei, guarda.

Oddio ma che stai affà? Te stiracchi? Così davanti a me?

Te dico fermete, se arza a majettina, te dico fermeeete.

Tu me voi fa ammattì, te me manni ar maniconio, sta bbona, sta fferma, fatte solo guardà.

Ecco o vedi che fai? O vedi? Me fai cascà aattrezzi pe tera. O senti sto rumoraccio? E' corpa tua, è.  Io te vedo e me se sbracheno e braccia.

Ma nun c'hai un poco de pietà pe st'occhi mia che te guardeno?

Ma nun ce l'hai un poco de buoncuore pe me che  vorei abbraccicatte tutta, strignerte fino a fatte pure male guarda. Te farei male chessì.

T 'asfarterei tutta.

Vorei esse er cemento tuo, er tuo carcestruNzo.

Vorei esse sto mattone pe famme camminacce sopra da te.

Vorei esse sto fero nel core tuo, vorrei esse sta ruspa pe scavatte dentro l'anima...

[...]

(De li mejo mortacci tua, a coooso, aaaAntonè ma che cazzo stai a combinà, spengi sta betoniera, spengilaa!)*

Oppure...

Aò a signorì, se semo svegliate tardi oggi, eh?  

Anveeedi, che vita comoda!

De li mejo mortacci tua. E io che sto a faticare dalle cinque de stamattina, an vedi questa!

Che bella vita, eh? Se fossi tu' padre sai quante sganassate nei denti, te darei?

Te li farei zompà tutti!

E poi che è, sta cosa? Esci sur barcone cor pigiama, coprite armeno, no?

Ma che te viene da penzà, che sei sorca?

Enno bbella mia! Tu n' saccoccio de schiaffi, te meriti.

Beh, bella poi... Con un po' de immaginazione, ce posso stà.

Aò, ritirate!

Vva a' llavorà, lo dico pe tte!

Ma tu vedi questa, che rabbia che me fa. L'ampasterei cor calcestruzzo!

Te tatuerei er muso a botta de sganassoni!

Sta fija de 'na mignotta fa pure 'a stronza. Esce sur barcone, 'a signorina.

E se stiracchia pure, proprio a dì: "Guardateme, io qua sto."

Mavvattelo a pija inder culo!

[...]

(De li mejo mortacci tua, a coooso, aaaAntonè ma che cazzo stai a combinà, spengi sta betoniera, spengilaa!)*

Tutto liberamente tratto dai fischi dell'operaio al passaggio di me medesima sul balcone ubicato di fronte al cantiere.

* (liberamente riportato l'insulto del capocantiere all'operaio di cui sopra)

Share/Bookmark

3 commenti:

Raf ha detto...

In entrambi i casi, sono soddisfazioni! ^_^

Anna Laura ha detto...

Essendo un ex splinderiano ti inviamo il link del mio blog dove poterci incontrare ogni tanto.

http://www.ceraunavoltasplinder.blogspot.com

Complimenti per il tuo nuovo blog!

Chocolady ha detto...

Muratori... tzè!

 
;