mercoledì 14 dicembre 2011

Rubare per mangiare

Ieri l'Ansa ha riportato la notizia di due anziani della provincia di Teramo che hanno rubato in un supermercato cibarie per un valore di 70 Euro. Pasta, carne. Nascoste sotto il cappotto. Vivono soltanto con la pensione minima di lui. Quando sono arrivati i carabinieri che li hanno identificati hanno ammesso di aver rubato per mangiare, perché non ce la fanno ad arrivare alla fine del mese. Sono riuscita oggi a reperire l'indirizzo di queste persone ed ho intenzione di raccogliere un po' di soldi per permettergli di fare la spesa. Almeno per la settimana di Natale. Magari, se gli gira, in quello stesso supermercato dove quella latrina del direttore (anziché pagargli da mangiare per almeno tre giorni) li ha denunciati, fregandosene. Chi vuol prendere parte alla raccolta può contattarmi in privato via email.
Inutile dire che sarà fatto tutto nella massima trasparenza. Posterò lo screenshot dei bonifici ricevuti e la scansione del vaglia postale che ho intenzione di inoltrargli entro la fine di questa settimana, al massimo lunedì prossimo.

Non m'interessa essere più buona a Natale, né mi frega del Natale in sé. Ma visto che per adesso mangio ancora tutti i giorni, mi è difficile farlo senza pensare a loro che ieri, a casa, ci sono tornati senza cibo.

Share/Bookmark

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Non ho Outlook nè voglio metterlo,..... perciò mandami le tue coordinate bancarie a questo indirizzo:

ciaosonoteo@email.it

.... però spicciati, perchè con il giro di bonifici ci vorrà più tempo di quello che pensi.

Teo Wolfe

Chocolady ha detto...

Tere'... io della gente non mi fido e adesso sai perché. Però, con molta sincerità, ti dico che mi sarei fatta fregare...

cKlimt ha detto...

Sorrido.
"Natale" significa anche potersi sentire in totale libertà (e soprattutto senza alcun complesso di colpa) "fessi e contenti".
.
Perchè io l'avrei fatto comunque il versamento...
Poi è vero che se ci ragioni a mente fredda ci resti di merda.
Ma il "donare" è tuttavia, proprio questo: non aspettarti niente, nemmeno la gratitudine.
.
Perchè il "dono" in realtà, ha molto a che fare con la Natura. Un fiore non fiorisce attendendosi la gratitudine o lo stupore del passante.
Un fiore fiorisce e dona agli altri il suo splendore per una propria legge interna. Nient'altro.

lepetitepeste ha detto...

cKlimt: sì, il dono è questo. Ma quella che hanno quei due vecchi è cazzimma. Ho ricevuto la mail. Risponderò dopo ;)

Teo. non è che la mail che mi hai indicato la posso usare anche per perdere il tempo, qualche volta?

 
;